wie het laatst lacht, lacht het beste (ride bene chi ride ultimo)

Tutto arriva a chi sa attendere…

Come suggerisce il titolo del post (chi ride ultimo, ride meglio) è bastato stare in attesa alcuni mesi perché le cose si disponessero al posto giusto. 

La figurazione elegiaca è riservata agli esponenti che avviano al primitivo ammaestramento gli immaturi educandi che, invero, intendono parecchio più in là ciò che i loro formanti ignorano:

Declama inni, equina

avida le strinse 

luci, non rialzi: 

ozio teme onta, canaglia.

Si calmi ira, ragazza

me nuda ronzai,

scena rara o

solo larga.

Ne lacererai, esule, getto.

Strazio piacerà

che amara ne morsi

a sferzare danze.


[amazon_link asins=’B01MRBLVDY,1520499825′ template=’ProductCarousel’ store=’blogdisergcas-21′ marketplace=’IT’ link_id=’aa1966ed-fdb8-11e6-b8a2-8f8d6f018901′]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: